Discover Sapporo

Scroll down for the Italian version

Hi everybody!

Have you ever wondered what Japan was like in 1800? If you did it but you didn’t find an answer, well, Sapporo is the right city where to go to relive that particular historical period.

Not many people know that up until the 19th century the island of Hokkaido was not considered part of Japan but it was inhabited by the indigenous Ainu population. In a country under a strong economic development and after the discovery of large undergrounds coal deposits, however, things changed quickly.

2

The then emperor Meiji (1868-1912), put pressure on the Japanese population to migrate (voluntarily or not) to the north of the country and colonize that last island until then forgotten. So, from 1875 it started a real “invasion” of Hokkaido. Roads, railways and brick buildings similar to Tokyo’s architectures were built all over the island, transforming what a few years before was a overgrown land in a fundamental region for the agricultural production of the country.

4

Two of the most representative buildings of that era are still in Sapporo and are: the Government Palace and the Palace of Justice (now museums but once used to administer local laws). Around these buildings (but to be honest, throughout the city) there are beautiful parks, full of all kinds of plants and flowers, as evidence of a capital that takes into account its green spaces.

Sapporo and Hokkaido are a different kind of Japan, something that needs to be seen with one’s own eyes to be appreciated. Consider this destination for a future trip to the land of the Rising Sun.

Thanks for reading!

DO YOU WANT TO SEE MORE PICTURES OF THIS BEAUTIFUL PLACE? FOLLOW ME ON MY FACEBOOK PAGE AND ON MY INSTAGRAM! THANK YOU!

5

Alla scoperta di Sapporo…

Ciao a tutti!

Vi siete mai chiesti com’era il Giappone nel 1800? Se lo avete fatto ma non avete trovato risposta, beh sappiate che Sapporo è la città giusta in cui andare a rivivere quel particolare periodo storico. 

Come non molti sapranno, fino all’800 l’isola dell’Hokkaido non era considerata parte del Giappone come lo intendiamo adesso, ma era abitato dalla popolazione indigena Ainu. Con un paese in forte sviluppo economico e la scoperta di ricchi giacimenti di carbone, però, le cose cambiarono rapidamente.

3

L’allora imperatore Meiji (1868-1912), fece pressione sulla popolazione giapponese affinché migrasse (volontariamente o no) a nord del paese e colonizzasse quell’ultima isola fino ad allora dimenticata. Fu così che a partire dal 1875 si assistette ad una vera e propria “invasione” dell’Hokkaido. Si cominciarono a costruire strade, ferrovie ed edifici in mattoni simili alle architetture presenti nella Tokyo dell’epoca, trasformando quella che pochi anni prima era una terra brulla in una regione fondamentale per la produzione agricola del paese.

6

Due dei palazzi più rappresentativi di quell’epoca si trovano ancora a Sapporo e sono: il Palazzo Governativo e il Palazzo di Giustizia (ora adibiti a museo ma un tempo utilizzati per amministrare le leggi locali). Attorno a questi edifici (ma a dire il vero, per tutta la città) si trovano dei bellissimi parchi, ricchi di ogni genere di pianta e fiore, a testimonianza di un capoluogo che tiene in grande considerazione i suoi spazi verdi.

Sapporo e l’Hokkaido sono un diverso tipo di Giappone, qualcosa che per essere apprezzato va visto con i propri occhi. Tenete in considerazione questa meta per un futuro viaggio nella terra del Sol Levante.

Grazie per aver letto!

VOLETE VEDERE PIU’ FOTO DI QUESTO POSTO MERAVIGLIOSO? SEGUITEMI SULLA PAGINA FACEBOOK E SU INSTAGRAM! GRAZIE!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s