Ishiyamadera: The lost spirituality

Scroll down for the Italian version

Hi everybody!

Enthusiasm, this is what you need to get the most from a trip. Those like me who are always on tour for work know how important this aspect is and how this is fundamental to convey a message to others. Traveling in group or alone makes you live completely different experiences, the thing that doesn’t have to change, however, is the desire to learn new things.

11-min

Not a long time ago I was exploring a beautiful temple on the shores of Lake Biwa: the Ishiyamadera. Built on the hills of this famous lake area, the Buddhist complex consists of a central pavilion dedicated to the cult of Kannon (the goddess of mercy) and countless other Shinto shrines consecrated to many other deities.

The foundation of the Ishiyamadera dates back to 747 and according to the tradition, here, during a full moon night of August 1004, one of the most famous novels of Japanese literature would have been conceived: the Genji Monogatari (written by Murasaki Shikibu).

1-min

Walking through the temple paths will let you immerse in the ancient Japanese architectural philosophy. The perfect harmony between simple wooden structures and dense vegetation let people isolate themselves from the outside world and gives a moment of intimacy. Getting in touch with the Buddha or with the kami doesn’t matter, the fundamental thing is to get closer to nature, the rest will come by itself.

7-min

In Western culture, the link with the natural element has been gradually lost over the centuries. We now believe in an omniscient god, capable of helping us in every situation. We forgot to enjoy the simple daily pleasures, the true fulcrum of a joyful life.

2-min

One of the basic principles of Eastern philosophies, however, is understanding that happiness doesn’t reside in possessing goods or in achieving important goals, but in appreciating the simplicity of things around us. Wouldn’t be nice if everyone could understand it?

Thanks for reading!

DO YOU WANT TO SEE MORE PICTURES OF THIS BEAUTIFUL PLACE? FOLLOW ME ON MY FACEBOOK PAGE AND ON MY INSTAGRAM! THANK YOU!

5-min

Ishiyamadera: La spiritualità perduta…

Ciao a tutti!

Entusiasmo, questo è quello che serve per potersi godere al meglio un viaggio. Chi come me si trova sempre in tour per lavoro sa bene quanto sia importante questa caratteristica e quanto sia utile per trasmettere un messaggio agli altri. Viaggiare in gruppo o da soli porta a vivere esperienze completamente diverse, quello che non deve cambiare però, è la voglia di imparare cose nuove.

3-min

Non molto tempo fa sono stato ad esplorare un bellissimo tempio sulle sponde del Lago Biwa: l’Ishiyamadera. Arroccato tra le colline di questa celebre zona lacustre, il complesso buddhista si compone di un padiglione centrale dedicato al culto della dea Kannon (dea della misericordia) e da innumerevoli altri santuari scintoisti consacrati ad altrettante divinità.

La fondazione dello Ishiyamadera risale al 747 e secondo quanto si racconta, qui, durante una notte di luna piena dell’agosto 1004, sarebbe stato concepito uno dei romanzi più famosi della letteratura giapponese: il Genji Monogatari (scritto da Murasaki Shikibu).

10-min

Passeggiare per i sentieri del tempio vi farà calare in quella che è l’antica filosofia architettonica giapponese. L’armonia perfetta fra semplici strutture in legno e fitta vegetazione porta le persone a isolarsi dal mondo esterno e a concedersi un momento di intimità con se stessi. Entrare in contatto con il Buddha o con i kami non importa, la cosa fondamentale è avvicinarsi alla natura, il resto verrà da sé.

4-min

Nella cultura occidentale, il legame con l’elemento naturale si è andato via via perdendo nei secoli. Ora crediamo in un dio onnisciente, rappresentazione del tutto e capace di aiutarci in ogni situazione. Ci siamo dimenticati di godere dei piccoli piaceri quotidiani, vero fulcro di una vita gioiosa. 

13-min

Principio base delle filosofie orientali, invece, è proprio quello di capire che la felicità non risiede nel possesso di un bene o nel raggiungimento di importanti traguardi, ma nel riuscire ad apprezzare la semplicità delle cose che ci circondano. Non sarebbe bello che tutti potessimo capirlo?

Grazie per aver letto!

VOLETE VEDERE PIU’ FOTO DI QUESTO POSTO MERAVIGLIOSO? SEGUITEMI SULLA PAGINA FACEBOOK E SU INSTAGRAM! GRAZIE!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s