Look around

Scroll down for the Italian version

Hi everybody!

Today I would like to give you some advice to fully enjoy your holidays.

In my opinion, a big mistake made when traveling is to underestimate the importance of observing the locals. Looking around, stopping for a second taking pictures of buildings and tourist attractions will let you discover the surroundings with different eyes.

2-min

We often go back home with lots of photographs. Attracted by the novelties, indeed, we let ourselves to be caught be caught by the frenzy of the moment and immortalize everything in the hope of preserving a memory. The problem is that in this way it is not possible to fully appreciate the local culture; and what seem to be solid memories are going to fade away in a short time.

To avoid all this, the only solution is to interact with the locals and live the traditions of the place in first person. Listen to me, every now and then lower your camera and enjoy the moment, you’ll go back home richer than when you left.

Thanks for reading!

DO YOU WANT TO SEE MORE PICTURES OF THIS BEAUTIFUL PLACE? FOLLOW ME ON MY FACEBOOK PAGE AND ON MY INSTAGRAM! THANK YOU!

7-min

Guardati attorno…

Ciao a tutti!

Oggi vorrei semplicemente darvi un consiglio per godervi appieno una vacanza.

A mio avviso un grave errore che si fa quando si viaggia è sottovalutare l’importanza di osservare la gente del posto. Guardarsi attorno, smettere per un secondo di scattare foto a palazzi e attrazioni turistiche permette di scoprire la realtà circostante con occhi diversi.

3-min

Spesso si rientra a casa con un sacco di fotografie. Attirati dalle novità, infatti, ci si lascia prendere dalla frenesia del momento e si immortala qualsiasi cosa pur di conservarne un ricordo. Il problema è che così facendo non si riesce ad apprezzare appieno la cultura locale; e quelle che sembrano essere solide memorie in verità sono destinate a svanire in breve tempo.

Per evitare tutto questo, l’unica soluzione è quella di interagire con la gente del luogo e sperimentare sulla propria pelle le tradizioni del posto. Date retta a me, ogni tanto abbassate la macchina fotografica e godetevi il momento, tornerete a casa più ricchi di quando siete partiti.

Grazie per aver letto!

VOLETE VEDERE PIU’ FOTO DI QUESTO POSTO MERAVIGLIOSO? SEGUITEMI SULLA PAGINA FACEBOOK E SU INSTAGRAM! GRAZIE!

Shakotan Peninsula

Scroll down for the Italian version

Hi everybody!

Nature. Here’s what I imagine when I think about Hokkaido. In this dreamland, boundless landscapes and lush forests alternate with spectacular views overlooking the sea.

A couple of hours drive from Sapporo there’s the so-called Shakotan Peninsula, an unmissable place trekking and nature photography lovers. Being so close to the capital, then, lends itself well to a day trip. Trust me, it will leave you speechless for the colors of its landscapes.

SP4-min

If you are fond of traditional Japanese art and culture, in this northern region you will not find relevant historical monuments or ancient archaeological sites. But the extraordinary views and the goodness of the local cuisine will satisfy your every need. Hokkaido is a magnificent land, don’t miss it!

Thanks for reading!

DO YOU WANT TO SEE MORE PICTURES OF THIS BEAUTIFUL PLACE? FOLLOW ME ON MY FACEBOOK PAGE AND ON MY INSTAGRAM! THANK YOU!

SP5-min

La Penisola di Shakotan…

Ciao a tutti!

Natura. Ecco cosa mi viene in mente quando penso all’isola dell’Hokkaido. In questa terra da sogno, paesaggi sconfinati e lussureggianti foreste si alternano a spettacolari panorami a picco sul mare.

A un paio d’ore di macchina da Sapporo si trova la cosiddetta Penisola di Shakotan, una località imperdibile per gli amanti del trekking e della fotografia naturalistica. Essendo così vicina al capoluogo, poi, si presta bene ad una gita giornaliera. Fidatevi di me, vi lascerà a bocca aperta per i colori dei suoi panorami.

SP1-min

Se siete appassionati d’arte e cultura tradizionale giapponese, in questa regione settentrionale non troverete monumenti storici rilevanti o reperti archeologici antichi. Ma lo straordinario ambiente circostante e la bontà della cucina del luogo sapranno accontentarvi in ogni vostra esigenza. L’Hokkaido è una terra magnifica, non perdetevela!

Grazie per aver letto!

VOLETE VEDERE PIU’ FOTO DI QUESTO POSTO MERAVIGLIOSO? SEGUITEMI SULLA PAGINA FACEBOOK E SU INSTAGRAM! GRAZIE!

Discover Sapporo

Scroll down for the Italian version

Hi everybody!

Have you ever wondered what Japan was like in 1800? If you did it but you didn’t find an answer, well, Sapporo is the right city where to go to relive that particular historical period.

Not many people know that up until the 19th century the island of Hokkaido was not considered part of Japan but it was inhabited by the indigenous Ainu population. In a country under a strong economic development and after the discovery of large undergrounds coal deposits, however, things changed quickly.

2

The then emperor Meiji (1868-1912), put pressure on the Japanese population to migrate (voluntarily or not) to the north of the country and colonize that last island until then forgotten. So, from 1875 it started a real “invasion” of Hokkaido. Roads, railways and brick buildings similar to Tokyo’s architectures were built all over the island, transforming what a few years before was a overgrown land in a fundamental region for the agricultural production of the country.

4

Two of the most representative buildings of that era are still in Sapporo and are: the Government Palace and the Palace of Justice (now museums but once used to administer local laws). Around these buildings (but to be honest, throughout the city) there are beautiful parks, full of all kinds of plants and flowers, as evidence of a capital that takes into account its green spaces.

Sapporo and Hokkaido are a different kind of Japan, something that needs to be seen with one’s own eyes to be appreciated. Consider this destination for a future trip to the land of the Rising Sun.

Thanks for reading!

DO YOU WANT TO SEE MORE PICTURES OF THIS BEAUTIFUL PLACE? FOLLOW ME ON MY FACEBOOK PAGE AND ON MY INSTAGRAM! THANK YOU!

5

Alla scoperta di Sapporo…

Ciao a tutti!

Vi siete mai chiesti com’era il Giappone nel 1800? Se lo avete fatto ma non avete trovato risposta, beh sappiate che Sapporo è la città giusta in cui andare a rivivere quel particolare periodo storico. 

Come non molti sapranno, fino all’800 l’isola dell’Hokkaido non era considerata parte del Giappone come lo intendiamo adesso, ma era abitato dalla popolazione indigena Ainu. Con un paese in forte sviluppo economico e la scoperta di ricchi giacimenti di carbone, però, le cose cambiarono rapidamente.

3

L’allora imperatore Meiji (1868-1912), fece pressione sulla popolazione giapponese affinché migrasse (volontariamente o no) a nord del paese e colonizzasse quell’ultima isola fino ad allora dimenticata. Fu così che a partire dal 1875 si assistette ad una vera e propria “invasione” dell’Hokkaido. Si cominciarono a costruire strade, ferrovie ed edifici in mattoni simili alle architetture presenti nella Tokyo dell’epoca, trasformando quella che pochi anni prima era una terra brulla in una regione fondamentale per la produzione agricola del paese.

6

Due dei palazzi più rappresentativi di quell’epoca si trovano ancora a Sapporo e sono: il Palazzo Governativo e il Palazzo di Giustizia (ora adibiti a museo ma un tempo utilizzati per amministrare le leggi locali). Attorno a questi edifici (ma a dire il vero, per tutta la città) si trovano dei bellissimi parchi, ricchi di ogni genere di pianta e fiore, a testimonianza di un capoluogo che tiene in grande considerazione i suoi spazi verdi.

Sapporo e l’Hokkaido sono un diverso tipo di Giappone, qualcosa che per essere apprezzato va visto con i propri occhi. Tenete in considerazione questa meta per un futuro viaggio nella terra del Sol Levante.

Grazie per aver letto!

VOLETE VEDERE PIU’ FOTO DI QUESTO POSTO MERAVIGLIOSO? SEGUITEMI SULLA PAGINA FACEBOOK E SU INSTAGRAM! GRAZIE!

Travel around Japan

Scroll down for the Italian version

Hi everybody!

When we talk about Japan, most people feel a strong sense of curiosity for a country so unique in customs and traditions… Recently coming here has become much simpler and cheaper than a few years ago. But not everyone finds the courage to fly here to deepen such a mysterious culture; and the main reason seems to be the lack of knowledge of english by the Japanese.

5-min

Doing the tourist guide here in Japan I can tell you that I have met many people who have come here on travel without knowing neither english language nor the japanese one.

Despite the initial hesitation towards a completely different reality from that one  we are used to in the West, I must say that the resourcefulness and the curiosity to try new things always win against linguistic barriers.

6-min

Japanese are known for being extremely reserved people, but this doesn’t mean they pull out from helping a tourist in difficulty. Sometimes it happens that, seeing you lost with a map in hand, they come to you to offer help and to accompany you to your destination.

In some countries, where everything is different, traveling can be stressful; but with such friendly and welcoming people your holiday will be a success. Leave for the country of the Rising Sun, what are you waiting for?

Thanks for reading!

DO YOU WANT TO SEE MORE PICTURES OF THIS BEAUTIFUL PLACE? FOLLOW ME ON MY FACEBOOK PAGE AND ON MY INSTAGRAM! THANK YOU!

8-min

Vivi il Giappone…

Ciao a tutti!

Quando si parla di Giappone, la maggior parte delle persone prova un forte senso di curiosità per un paese così unico negli usi e costumi di tutti i giorni… Recentemente venirci è diventato molto più semplice ed economico di qualche anno fa. Ma non tutti trovano il coraggio di volare fin qui per approfondire una cultura così misteriosa; e la causa principale di tutto ciò sembra essere la scarsa conoscenza dell’inglese da parte dei giapponesi.

3-min

Praticando il lavoro di accompagnatore turistico qui in Giappone posso dirvi di aver conosciuto molte persone che sono venute qui in viaggio senza sapere né la lingua inglese né tantomeno quella giapponese.

Nonostante la titubanza iniziale verso una realtà completamente diversa da quella a cui siamo abituati in occidente, devo dire che l’intraprendenza e la curiosità di provare cose nuove vincono sempre contro le barriere linguistiche.

7-min

I giapponesi sono conosciuti per essere un popolo estremamente riservato, ma non per questo si tirano indietro dall’aiutare un turista nel momento di difficoltà. Capita a volte che, vedendoti perso con una cartina in mano, si avvicinino per offrirvi aiuto e per accompagnarvi fino a destinazione. 

In alcuni paesi, dove tutto è differente viaggiare può essere stressante; ma con un popolo così disponibile ed accogliente la vostra vacanza non potrà che procedere al meglio. Cosa aspettate a partire per il Sol Levante?

Grazie per aver letto!

VOLETE VEDERE PIU’ FOTO DI QUESTO POSTO MERAVIGLIOSO? SEGUITEMI SULLA PAGINA FACEBOOK E SU INSTAGRAM! GRAZIE!

Sapporo by night

Scroll down for the Italian version

Hi everybody!

Since the first time I came here to Japan, I dreamt about the moment when I would have explored the boundless lands of Hokkaido, the most northerly island of this country. Wild nature and breathtaking scenery had caught my attention in the documentaries broadcast on television, but I knew that seeing them in person would have been different… Before strolling through the green cliffs and endless woods though, I dedicated myself to that kind of exploration I’ve been passionate about for years: visiting the cities in the evening.

1-min

Sapporo is one of Japan’s five most important urban centers and every night it shines in its infinite neon lights. Among its many neighborhoods, Susukino definitely stands out for its frenetic nightlife; here, bars and clubs are not lacking. The excellent food (in particular the miso ramen and the fish based cuisine), the excellent beers and the extreme friendliness of the people contribute to make this place one of the best destinations for a holiday far away from the usual cities.

5-min

Going around in the streets of Japan is absolutely safe. It is well known that here crimes are practically absent and this makes walks safe even in the late hours.

Visiting a city at dinner time is one of those things that everyone should do when traveling; going to bars and restaurants gives the chance to know the habits of the local people and open the mind to a culture different.

Thanks for reading!

DO YOU WANT TO SEE MORE PICTURES OF THIS BEAUTIFUL PLACE? FOLLOW ME ON MY FACEBOOK PAGE AND ON MY INSTAGRAM! THANK YOU!

2-min

Esplora le città giapponesi nelle ore serali…

Ciao a tutti!

Fin dalla prima volta che sono venuto qui in Giappone, ho sognato quel momento in cui mi sarei avventurato per le terre sconfinate dell’Hokkaido, l’isola più a nord del paese. Natura selvaggia e paesaggi mozzafiato avevano colto la mia attenzione già nei documentari trasmessi in televisione, ma sapevo che vederli di persona sarebbe stata un’altra cosa… Prima di passeggiare per le verdi scogliere e i fitti boschi però, mi sono dedicato a quel tipo di esplorazione che orami da anni mi appassiona tanto: visitare le città nelle ore serali.

7-min

Sapporo è uno dei cinque centri urbani più importanti del Giappone e ogni notte risplende tra le sue infinite luci al neon. Fra i suoi numerosi quartieri, quello di Susukino spicca sicuramente per la frenetica vita notturna; qui bar, club e locali a tema non mancano. L’ottimo cibo (in particolare il miso ramen e la cucina a base di pesce), l’eccellente birra e l’estrema cordialità delle persone contribuiscono a rendere questo capoluogo una delle migliori mete per una vacanza lontana dalle solite città. 

6-min

Girare di sera per le strade del Giappone è assolutamente sicuro. È risaputo infatti che qui la microcriminalità è praticamente assente e questo rende tranquille le passeggiate anche nelle ore più tarde. 

Visitare una città all’ora di cena è una di quelle cose che tutti dovrebbero fare quando si è in viaggio; frequentare locali e ristoranti dà l’opportunità di conoscere gli usi della gente del luogo e fa aprire gli occhi su una cultura diversa dalla propria.

Grazie per aver letto!

VOLETE VEDERE PIU’ FOTO DI QUESTO POSTO MERAVIGLIOSO? SEGUITEMI SULLA PAGINA FACEBOOK E SU INSTAGRAM! GRAZIE!

 

 

Jimbōchō

Scroll down for the Italian version

Hi everybody!

When people think of Tokyo, they usually imagine an ultramodern city where new technologies and new trends are common things. Areas such as Harajuku, Kabukicho and Akihabara are among the most visited during tourists’ stay in the Japanese capital; in fact they represent the new identity that Tokyo is taking in the last years.

1-min

But have you considered strolling through a more peripheral and less tourist neighborhood?

Among the various traditional districts of Tokyo, Jimbōchō stands out for a peculiarity: the large presence of second-hand bookshops. In the last years of the 800, in fact, in this zone was built one of the most important schools of the country: the Meiji University. Thanks to its presence, the district experienced a strong economic revival attracting numerous publishers who decided to establish here their offices.

2-min

Walking around Jimbōchō is a pleasure for those who love books and literature, here you can easily find any literary work as long as you can read Japanese. For all the others it remains a characteristic neighborhood to visit and certainly an unusual destination to explore.

Thanks for reading!

DO YOU WANT TO SEE MORE PICTURES OF THIS BEAUTIFUL PLACE? FOLLOW ME ON MY FACEBOOK PAGE AND ON MY INSTAGRAM! THANK YOU!

7-min

Ciao a tutti!

Quando la gente pensa a Tokyo immagina una città ultramoderna dove la tecnologia e i nuovi trend sono di casa. Zone come Harajuku, Kabukicho e Akihabara sono tra le più visitate durante il soggiorno nella capitale giapponese; esse infatti rappresentano la nuova identità che Tokyo sta assumendo negli ultimi anni. 

5-min

Ma avete considerato di passeggiare per un quartiere più periferico e meno blasonato?

Tra i vari distretti tradizionali di Tokyo, Jimbōchō spicca per una sua peculiarità: la grande presenza di librerie di seconda mano. Negli ultimi anni dell’800, infatti, in questa zona fu costruita una delle più importanti scuole del paese: l’Università Meiji. Grazie alla sua presenza il quartiere visse un forte rilancio economico attirando numerose case editrici che decisero di stabilirci le proprie sedi.

4-min

Passeggiare per Jimbōchō è un piacere per chi ama i libri e la letteratura, qui è possibile trovare qualsiasi opera a patto che si sappia leggere il giapponese. Per tutti gli altri resta comunque un quartiere caratteristico da visitare e sicuramente una meta originale da esplorare.

Grazie per aver letto!

VOLETE VEDERE PIU’ FOTO DI QUESTO POSTO MERAVIGLIOSO? SEGUITEMI SULLA PAGINA FACEBOOK E SU INSTAGRAM! GRAZIE!

Relax in the heart of Tokyo

Scroll down for the Italian version

Hi everybody!

What if I said you that in the heart of Tokyo there is a wood with more than 120 thousand trees?

Many think that in large cities, glass and concrete don’t leave room for parks and gardens, but here in modern Edo things are very different. Between two of the most densely populated areas of the city (Shibuya and Shinjuku) are the Yoyogi Park and the Meiji Jingu Shrine, within which a marvelous imperial garden has been created with glimpses to say the least fascinating.

2-min

The Meiji Jingu Gyoen was designed by emperor Meiji to give his wife (Empress Shoken) an oasis of peace in which he could relax admiring the flower fields and ponds populated by carps, sipping the tea or strolling through the paths of a forest carefully designed.

8-min

Entering a park like this always arouses a bit of amazement, especially when you think back to being in one of the biggest megacities of the world. The perfectly studied natural landscape and the surreal silence that surrounds you, make you literally detach from the daily routine, offering you a moment of tranquility, sometimes necessary if you live in such crowded areas.

The opportunity to give yourself these moments of peace is not obvious when you live in Tokyo; and those who have visited this metropolis will certainly agree with me when I say that experiencing these contrasts between silent areas and chaotic places is one of the most suggestive experiences to live in Japan’s capital…

Thanks for reading!

DO YOU WANT TO SEE MORE PICTURES OF THIS BEAUTIFUL PLACE? FOLLOW ME ON MY FACEBOOK PAGE AND ON MY INSTAGRAM! THANK YOU!

3-min

Rilassati nel cuore di Tokyo…

Ciao a tutti!

E se vi dicessi che nel cuore di Tokyo si trova un bosco con più di 120mila alberi? 

Molti danno per scontato che nelle grandi metropoli, vetro e cemento non lascino spazio a parchi e giardini, ma qui nella moderna Edo le cose sono ben differenti. Tra due delle zone più densamente popolate della città (Shibuya e Shinjuku) si trovano il Parco Yoyogi e il Santuario Meiji Jingu, al cui interno è stato realizzato un meraviglioso giardino imperiale dagli scorci a dir poco affascinanti.

6-min

Il Meiji Jingu Gyoen fu disegnato dallo stesso imperatore Meiji per garantire alla moglie (l’imperatrice Shoken) un’oasi di pace in cui potesse rilassarsi ammirando campi fioriti e laghetti popolati da carpe, sorseggiare del the o passeggiare per i sentieri di un bosco attentamente progettato.

1-min

Entrare in un parco come questo suscita sempre un po’ di stupore, soprattutto quando si ripensa al fatto di essere in una delle più grandi megalopoli al mondo. Il paesaggio naturale perfettamente studiato e il silenzio surreale che ti circonda, ti fanno letteralmente distaccare dalla routine quotidiana, offrendoti un momento di tranquillità a volte necessario se vive in zone tanto affollate.

La possibilità di regalarsi questi momenti di pace non è scontata quando si abita a Tokyo; e chi ha visitato questa metropoli si troverà sicuramente d’accordo con me nel dire che, lo sperimentare questi contrasti tra zone silenziose e luoghi caotici, è una delle esperienze più suggestive da vivere nella capitale giapponese…

Grazie per aver letto!

VOLETE VEDERE PIU’ FOTO DI QUESTO POSTO MERAVIGLIOSO? SEGUITEMI SULLA PAGINA FACEBOOK E SU INSTAGRAM! GRAZIE!